Fabio Fazio ha fatto dei suoi modi pacati e per bene (è stato spesso definito perbenista), per niente ‘spettacolari’, la sua arma che negli anni ha conquistato i telespettatori italiani e lo ha resto uno dei conduttori più popolari della Rai.

La sua storia comincia a Savona il 30 novembre del 1964, il padre Giuseppe è impiegato, mentre la madre casalinga, nata in Etiopia da genitori calabresi.
Raggiunge la maturità al liceo classico di Savona Gabriello Chiabrera nel 1983 e si laurea in Lettere all’Università di Genova.

Il suo ingresso nel mondo dello spettacolo comincia in tenera età quando a 16 anni conduce un programma radiofonico per Radio Vecchia Savona prima e Radio Golfo Ligure poi, dove si diverte ad imitare alcuni personaggi della politica e della tv. Ma viene notato per la prima volta quando, approfittando di un concorso organizzato dalla Rai a Genova per ricercare nuovi talenti, decise di presentarsi. In un’intervista confessa di aver preso parte a quei provini solo per vedere gli studi della Rai e che non si aspettava di essere richiamato.

E come dargli torto? Ai provini si presentano oltre 8mila persone, molti dei quali professionisti. Così quando arriva il suo turno, si ritrova seduto ad una scrivania con di fronte Bruno Voglino e Guido Sacerdote. Fazio comincia a fare alcune delle sue imitazioni (Sandro Pertini, Gilberto Govi, Paolo Rossi) che colpiscono positivamente i due ‘giudici’, tanto da essere invitato a recarsi a Roma per sostenere un ulteriore test, concluso con esito positivo.

La prima apparizione televisiva di Fazio è avvenuta nel 1983 come ospite nel programma ‘Pronto Raffaella’.

L’anno successivo prede parte al programma ‘Loretta Goggi in quiz’ e , sempre nello stesso anno, Fazio partecipa a ‘Sponsor City’, una via di mezzo tra un varietà e una pubblicità.

Tra il 1985 e il 1986 si occupa di programmi per giovani e conduce il programma radiofonico Orecchioocchio.

Per un periodo (prima degli anni ’90) la Rai non ha più intenzione di avvalersi del talento di Fazio, che così comincia a condurre trasmissioni televisive su Odeon TV (rete a trasmissione interregionale) e Telemontecarlo, che negli anni ’70 e ’80 è stata la maggior antagonista dei programmi Rai.

All’inizio degli anni ’90 rientra in Rai conducendo, con Sandro Paternostro, il programma ‘Diritto di replica’ in onda su Rai3.

Ma le luci della ribalta per Fabio Fazio si accendono nel 1993, quando gli viene proposto di condurre il programma sportivo di successo ‘Quelli che il calcio’. Cinque anni dopo il programma viene spostato da Rai3 diventando la trasmissione di punta di Rai2, facendo una grande concorrenza ai programmi più seguiti della domenica: ‘Domenica In’ su Rai1 e ‘Buona Domenica’ su Canale 5.
Fazio sarà alla conduzione del programma fino all’inizio del nuovo millennio, quando lascia la conduzione a Simona Ventura per condurre la trasmissione inaugurale della neo nata LA7.

Durante gli anni ’90, oltre alla conduzione di ‘Quelli che il calcio’, sperimenta anche la recitazione quando nel 1996 interpreta il Dottor Francesco Fàsoli nella fiction Rai in due puntate ‘Un giorno fortunato’. L’anno dopo conduce ‘Anima Mia’ insieme a Claudio Baglioni, programma che riscuote un grande successo, tanto da consentire a Fazio di ottenere la conduzione del Festival di Sanremo per ben due volte consecutive, una prima volta nel 1999 e poi nel 2000, registrando ascolti da record.
Nel marzo del 2000 conduce anche ‘Faber, amico fragile’, un omaggio al cantautore ligure Fabrizio De Andrè.

Dopo un periodo di pausa, torna nel 2003 con il talk-show ‘Che Tempo che fa’, un programma di intrattenimento con l’intervento di grandi ospiti.

Nel 2010 conduce, con lo scrittore Roberto Saviano, la trasmissione ‘Vieni via con me’ che diventa il programma più visto della storia di Rai3.

Nel 2013 conduce nuovamente il Festival di Sanremo affiancato da Luciana Littizzeto, ottenendo un grande successo. Ci riprova di nuovo nel 2014 ma il Festival è un flop. Da settembre 2013 conduce di nuovo la trasmissione ‘Che tempo che fa’, che da aprile 2015 viene trasmesso in prima serata su Rai1.

E’ sposato dal 1994 con Gioia Selis dalla quale ha avuto due figli Michele e Caterina.

Categorie: Notizie varie

Articoli correlati

Notizie varie

Aumenti sulla tratta Roma – Fiumicino, lo sdegno di Leporati

Il viceresponsabile per i trasporti dell’Italia dei Diritti: “Ennesimo passo indietro rispetto ad altri paesi europei” Roma – 14 Aprile 2010. “In tempi di crisi come quelli attuali, gli aumenti tariffari fanno solo male al Leggi tutto…