Vorrei condividere con tutti voi alcune considerazioni sui motivi per cui una persona viene eletta e dura nel tempo. Credo sia un argomento importante per tutti noi; penso che si tratti di una sorta di “alfabetizzazione sulla comunicazione” che a mio avviso dovrebbe essere insegnata nelle scuole.

Premetto che ogni considerazione che troverete in questo articolo è frutto di una attenta e imparziale analisi e mai di un coinvolgimento personale dell’autore, sia quando si parlerà di successo sia di insuccesso di quel tale personaggio. E’ una precisazione importante per comprendere a fondo lo spirito di fondo, che è quello di condividere alcune conoscenze in tema di comunicazione e stimolare una riflessione scevra da coinvolgimenti di parte.È incredibile come la comunicazione sia cruciale e nello stesso tempo nessuno ne comprenda a fondo la potenza.

Noi percepiamo le persone per come comunicano, ma traduciamo la loro comunicazione in caratteristiche di personalità e valoriali. In altre parole, se il modo di comunicare di una persona ci fa venire in mente una certa categoria di persone (es. i preti, o i poliziotti), noi non diremo mai che la persona sta “comunicando come un prete”, ma diremo che “è un prete”. Questo capita perché la comunicazione ha il potere di non essere mai percepita in quanto tale, ma solo in funzione dei suoi effetti.Detto ciò, credo possa essere interessante per tutti sapere quanto la comunicazione influisce sul successo personale e politico di una persona; questo può offrirci importanti strumenti di valutazione sia nel caso in cui ne si sostenga l’operato sia se desideriamo che il nostro candidato preferito possa prendere al più presto il suo posto.Ad esempio vi siete mai chiesti quanto influisca lo stile di comunicazione sul successo personale e politico del Prof. Mario Monti?

Cominciamo con il dire che lo stile di comunicazione del Prof. Monti è basato su una calma imperturbabile e apparentemente poco emozionale. Non credo sia una cosa studiata, penso sia proprio il suo carattere.A sentire i commenti delle persone il Prof. Monti non sembrerebbe un personaggio molto amato in questo momento. Ma non a causa del suo carattere o della sua propensione a portare gli italiani verso un’epoca di sacrifici, quanto piuttosto per la coesistenza delle due cose. Infatti la sua imperturbabilità, a giudicare da ciò che si legge sulla Rete, pare essere percepita dal popolo come insensibilità, caratteristica che ben si sposa con il bisogno collettivo di addossare delle colpe. Per cui prevale l’idea collettiva di un Premier che “opera i tagli perché è poco sensibile”.

Quindi, benché ciò che non piace siano le scelte politiche (i tagli), non sono questi a essere giudicati, ma il Premier stesso per la sua “insensibilità ai problemi della gente”. Quindi la poca emozionalità della comunicazione del Premier appare come un tratto negativo del suo carattere.

Eppure, questa che sembrerebbe essere una causa di insuccesso, nel caso del Premier Monti diventa un fattore vincente. Incredibilmente, infatti, nonostante alcune persone manifestino il loro disappunto su di lui e sul suo operato, il suo consenso interno e internazionale sembrano consolidarsi. Vi siete mai chiesti perché?Cominciamo con il dire due cose fondamentali:intendiamo il successo in politica non come la quantità di persone che apprezzano o osteggiano un personaggio, quanto piuttosto dalla sua permanenza o meno nelle posizioni importanti del mondo politico. ogni era politica ha il suo stile di comunicazione.

Articoli correlati

Politica

Forza Italia: storia di un partito paradossale

Quando Forza Italia è nata, e ciò è accaduto nel momento in cui il presidente Berlusconi ha fatto recapitare un messaggio pre-registrato alle televisioni nazionali – capite bene di quale singolare atto di nascita di Leggi tutto…

Politica

Digital Divide: Il Ministro e la Rivoluzione della Rete

La discussione da ultimo insorta sulla cd norma anti-Blog patrocinata dal Ministro della Giustizia Severino (obbligo di rettifica entro 48 ore, pena una sanzione di almeno E. 12.000) avanti il Convegno “Etica e Giornalismo” del Leggi tutto…

Politica

Divorzio breve: quando la casta val bene una Messa

Io, cattolico credente, praticante, una vita ormai in Parrocchia e nell’Azione Cattolica, rompo il silenzio e dico “basta” alla campagna di Tempi e altre sezioni (maggioritarie) del mondo cattolico contro la recente riforma del cd Leggi tutto…